L’uso della bicicletta per muoversi in città è negli ultimi anni cresciuto in modo significativo a Trieste. Questo grazie ad una sempre maggiore consapevolezza dei tanti benefici che la bici porta e alla maggiore diffusione delle biciclette a pedalata assistita che sono un’alternativa ecologica ed economica agli scooter, nella nostra città non completamente pianeggiante. Questa crescita è stata fotografata nel recente sondaggio realizzato da SWG che ha mostrato che sono 3.500 i triestini che usano la bici per gli spostamenti quotidiani e che altri trentamila pensano “spesso”  che se esistesse una pista ciclabile sul tragitto casa-lavoro preferirebbe lasciare ferma l’auto e pedalare.

Anche il neo Sindaco Dipiazza ha colto il cambiamento in atto ed ha infatti inserito nel proprio programma elettorale questi obiettivi: “va dato atto che lo sviluppo della mobilità ciclabile, avendo come obiettivo a medio termine un 10% degli spostamenti urbani,  può portare numerose ricadute positive alla nostra città: meno smog, meno traffico, più facilità di parcheggio per chi si muove in auto, un economia più forte grazie al rilancio del commercio locale e del turismo e più a misura di persona”.

Oltre a queste affermazioni di principio Dipiazza ha anche sottoscritto i 10 punti della campagna di FIAB Ulisse “Il #Futuro va in #Bici” impegnandosi a realizzare nei prossimi 5 anni specifici interventi per rendere il muoversi in bici nel capoluogo giuliano più comodo e sicuro.  Dipiazza si è impegnato a realizzare nei primi 100 giorni del suo mandato “un programma di sviluppo della mobilità ciclabile e del traffico pedonale attraverso l’utilizzo del 10% delle risorse destinate alla manutenzione stradale”, a fare entro il 2016 un bando pubblico per la “realizzazione del Piano quadro per la mobilità ciclabile” ed entro il 2017 “un piano straordinario per la sicurezza dei percorsi casa-scuola”.

Rispetto alle infrastrutture c’è l’impegno a realizzare 2 corsie ciclabili monodirezionali in via Flavia e attraverso il Porto vecchio. In programma anche la realizzazione di una ciclabile che connetta il viale XX Settembre a via Mazzini di cui, va detto, c’è già un progetto negli uffici comunali. Un altro impegno a costo zero è l’apertura al transito delle biciclette le corsie bus sull’asse via Conti-via D’Azeglio-piazza Ospedale-via Tarabocchia.

Partendo da queste premesse FIAB Ulisse chiederà nei prossimi giorni al Sindaco Dipiazza e agli Assessori all’Urbanistica Luisa Polli e ai Lavori Pubblici Elisa Lodi di poter avere un confronto per un aggiornamento sui tempi e i modi in cui la nuova Giunta intende attivarsi per mettere in campo le azioni annunciate e per proporre un intervento migliorativo per il tanto dibattuto problema del passaggio della ciclabile di Campi Elisi davanti alla rampa della grande viabilità.

Qui trovate tutti gli impegni sottoscritti da Dipiazza

logo fiab solo bici

 

Totale visite n°: 1523