Sabato 22 settembre parte da Trieste la Bicistafetta FIAB, iniziativa istituzionale, giunta alla sua 18.ma edizione, volta a promuovere la realizzazione della rete ciclabile nazionale BICITALIA.

La Bicistafetta si snoderà sul percorso del progetto della nuova ciclovia AIDA, Alta Italia da Attraversare, che collegherà Trieste a Torino. Lungo i 900 chilometri  la ciclovia AIDA attraversa  4 regioni,  8 siti Uneseco e 13 capoluoghi: Trieste, Udine, Pordenone, Treviso, Venezia,  Padova, Vicenza, Verona, Brescia, Milano, Novara, Vercelli e Torino. La ciclovia Aida nasce con lo scopo di promuovere l’unione dei tracciati esistenti, che coprono già la metà del percorso, e mira a soddisfare la sempre crescente domanda cicloturistica e a promuovere la mobilità quotidiana in bicicletta.

La Bicistaffetta è composta da due gruppi, uno proveniente da ovest e l’altro da est, che si danno appuntamento nella città di Verona venerdì 28 settembre.

In una settimana gli staffettisti in partenza da Trieste, “capitanati” dalla Presidente nazionale FIAB Giulietta Pagliaccio, percorreranno  l’itinerario cicloturistico fino a Verona, incontrando Sindaci, amministratori ed attori economici per illustrare il progetto della nuova ciclovia.

La Bicistafetta si inaugura con il convegno «Ciclovia  AIDA: un’opportunità di sviluppo per il cicloturismo nel Friuli Venezia Giulia», che si terrà sabato 22 alle 17.30 alla sala Bazlen del Palazzo Gopcevich di via Rossini, 4. L’incontro è organizzato dal Cooridinamento FIAB FVG con il contributo del Comune di Trieste. Tra i relatori ci sarà la Presidente FIAB Giulietta Pagliaccio, il Sindaco di Trieste Roberto Dipiazza,  l’Assessore al Turismo del Comune di Trieste Maurizio Bucci, il fondatore del tour operator Girolibero Pierpaolo Romito e il Presidente Federalberghi Trieste Guerrino Lanci.

Questo il programma nel dettaglio:

  • I numeri e le opportunità del cicloturismo (Giulietta Pagliaccio, Presidente nazionale FIAB)
  • EuroVelo, Bicitalia e le ciclovie nazionali: quali azioni. (Valerio Montieri, membro del comitato scientifico Bicitalia)
  • AIDA: la ciclovia che unisce Trieste a Torino (Antonio Dalla Venezia, Responsabile area cicloturismo FIAB)
  • Mercato cicloturistico in Italia e nel FVG: il punto di vista di un operatore. (Pierpaolo Romito, fondatore tour operator Girolibero e Zeppelin)
  • Dinamiche del mercato cicloturistico a Trieste. (Guerrino Lanci, Presidente Federalberghi Trieste)
  • Tanta voglia di pedalare nel FVG (Luca Mastropasqua, Presidente FIAB Trieste)
  • Intervento del Sindaco di Trieste Roberto Dipiazza
  • Intervento dell’Assessore al Turismo del Comune di Trieste Maurizio Bucci
  •  Intervento del Presidente della IV Commisione (pianificazione territoriale, viabilità, trasporti) della Regione FVG  Piero Camber
  • Conclusioni (Federico Zadnich Coordinatore FIAB Friuli Venezia Giulia)

La Bicistaffetta Fiab 2018 ha ottenuto il patrocinio, tra gli altri, del Ministero dell’Ambiente, del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e di Federalberghi Trieste.

Aida è un progetto FIAB Onlus che nasce per collegare le principali città del nord Italia sfruttando per il 50% itinerari già realizzati. Il progetto è stato approvato dal Comitato Tecnico Bicitalia ed è stato avviato il dialogo con il Ministero dei Trasporti per la pianificazione e per candidare Aida ad entrare nel Sistema Nazionale delle Ciclovie Turistiche.

L’itinerario prevede più di 900 km di percorso “di qualità”, prevalentemente pianeggiante e su sede propria, dato che l’itinerario si appoggia a molti percorsi regionali esistenti o in via di sviluppo, come la Francigena della Val di Susa, il Canale Cavour, Le vie d’Acqua di Leonardo: Villoresi, Martesana,la Ciclovia dei laghi sud della bassa bergamasca, i percorsi vitivinicoli della Franciacorta. Il passaggio attraverso bellezze naturali e beni artistici suona già come il preludio di una lenta, lunga pedalata per valorizzare una vasta porzione di territorio di un’Italia da riscoprire in sella alla bicicletta.

Totale visite n°: 435